L’accesso al tempio della musica classica era da sempre riservato all’élite: per nascita, per istruzione, per presunzione. L’ingresso sembrava avvolto nella nebbia e nelle tenebre e più che un tempio assomigliava al castello kafkiano, fatto solo per disorientare e confondere e non per raggiungere. Ti scoraggiava perché sembrava lontano, antico, appunto, classico. Dovevi essere idoneo per poterlo avvicinare e attendere di entrare. Rimanev...

Nessun commento Olga Gladiscieva Leggi tutto

È come un gioco. Il particolare e il generale. Conoscersi e successivamente riconoscersi. Qual è la nostra vera identità, quella che sta in un dettaglio marginale o nell’insieme indispensabile? “La mia anima è una misteriosa orchestra;non so quali strumenti suoni e strida dentro di me: corde, arpe, timpani e tamburi.Mi conosco come una sinfonia.“ Fernando Pessoa...

Nessun commento Olga Gladiscieva Leggi tutto

Che “andrà tutto bene” lo sapevamo da sempre. Ce lo sentivamo dire per ogni nostra paura, incertezza, delusione. Oltre all’abbraccio rassicurante questa promessa era la nostra fede assoluta in un domani sereno perché affermata dalla nostra mamma. E aveva ragione! Buona festa della mamma a chiunque si sente di esserlo. “Se anche solo per un istante pensavo di essere strana, gli occhi di mia madre mi guardavano da sopra gli occhiali, e co...

Nessun commento Olga Gladiscieva Leggi tutto

Parigi prima della seconda guerra mondiale ancora ignara del pericolo imminente. La piovosa serata di fine novembre. Il ponte Alma. Un piccolo caffè vuoto vicino all’Arco di Trionfo con gradini consunti e scivolosi. L’asprezza del calvados che non risolve nulla ma almeno scalda le mani. Gauloises umide e stropicciate in tasca.Due vite sospese come goccioline di nebbia si incontrano per caso e si attraggono ma non si legano. Manca l’affinit...

Nessun commento Olga Gladiscieva Leggi tutto

“La velocità perfetta, figliolo, vuol dire solo esserci».Le Olimpiadi alla Città del Messico avrebbero dovuto (potuto?) aggiungere pace e armonia ad un anno che più di qualsiasi altro periodo storico era già tormentato fino all’estremo dalla contestazione, battaglie civili e militari, lotte armate, il rifiuto radicale verso un certo stile di vita. L’anno delle proteste studentesche del maggio francese, dell’assassinio di Robert Kenne...

Nessun commento Olga Gladiscieva Leggi tutto

Anche se questo periodo è un’equazione da risolvere con almeno un’incognita (quando finirà?), possiamo comunque attribuire il valore alle altre variabili e decidere la loro proporzione. Matematica è un’opinione quando la risposta è multipla.“La felicità sta alla gioia come una lampada elettrica sta al sole. La felicità ha sempre un oggetto, si è felici di qualcosa, è un sentimento la cui esistenza dipende dall’esterno.La gio...

Nessun commento Olga Gladiscieva Leggi tutto

La poliomielite era una malattia infettiva ad altissimo rischio. Colpiva principalmente bambini, sotto i cinque anni. Il virus danneggiava il midollo spinale e i polmoni, provocando la deformazione e la paralisi di braccia e gambe che a volte portava all’esito mortale. Molti malati non erano più in grado di camminare senza stampelle o tutori in ferro. Tra i malati “famosi”, ad esempio, possiamo ricordare la pittrice Frida Kahlo e il presid...

Nessun commento Olga Gladiscieva Leggi tutto

Oggi è mancato un grande uomo, scrittore, idealista e sognatore. A 20 anni vinse la borsa di studio a Mosca e pochi mesi dopo venne espulso a causa della sua relazione con l’insegnante di letteratura slava. Atteggiamenti contro la morale. Dopo il colpo di stato di Pinocet fu arrestato e torturato. Trascorse 7 mesi in un bugigattolo che non gli consentiva neppure di alzarsi in piedi. Fu liberato solo per le pressioni di Amnesty International ma...

1 commento Olga Gladiscieva Leggi tutto

Il 12 aprile 1961, alle 9:07 ora di Mosca, dalla base spaziale di Bajkonur in Kazakistan decollava la Vostok 1, prima navicella spaziale con equipaggio umano. All’interno della capsula, guidato da Terra, c’era l’uomo che in seguito sarebbe stato ribattezzato il “Cristoforo Colombo dei cieli”: il pilota sovietico appena 27enne Jurij Gagarin....

Nessun commento Olga Gladiscieva Leggi tutto

Domenica è Pasqua, una ricorrenza importante al di là di essere credenti, atei oppure agnostici. Una festa di rinascita, speranza, primavera. Gratitudine e perdono. Che non è porre l’altra guancia e non reagire, ma continuare a riconoscere il valore di una parola giusta al momento giusto, di uno sguardo affettuoso ma non soffocante, di un abbraccio rassicurante a distanza. Buona Pasqua....

Nessun commento Olga Gladiscieva Leggi tutto
Yuri Gagarin

Il 12 aprile 1961, alle 9:07 ora di Mosca, dalla base spaziale di Bajkonur in Kazakistan decollava la Vostok 1, prima navicella spaziale con equipaggio umano. All’interno della capsula, guidato da Terra, c’era l’uomo che in seguito sarebbe stato ribattezzato il “Cristoforo Colombo dei cieli”: il pilota sovietico appena 27enne Jurij Gagarin....

Beethoven non fa più paura
Ci sarei voluto essere / 17 Maggio, 2020

L’accesso al tempio della musica classica era da sempre riservato all’élite: per nascita, per istruzione, per presunzione. L’ingresso sembrava avvolto nella nebbia e nelle tenebre e più che un tempio assomigliava al castello kafkiano, fatto solo per disorientare e confondere e non per raggiungere. Ti scoraggiava perché sembrava lontano, antico, appunto, classico. Dovevi essere idoneo per poterlo avvicinare e attendere di entrar...

Un gioco
Appunti di viaggio , Words&Drops / 15 Maggio, 2020

È come un gioco. Il particolare e il generale. Conoscersi e successivamente riconoscersi. Qual è la nostra vera identità, quella che sta in un dettaglio marginale o nell’insieme indispensabile? “La mia anima è una misteriosa orchestra;non so quali strumenti suoni e strida dentro di me: corde, arpe, timpani e tamburi.Mi conosco come una sinfonia.“ Fernando Pessoa...

Buona festa della mamma
Words&Drops / 8 Maggio, 2020

Che “andrà tutto bene” lo sapevamo da sempre. Ce lo sentivamo dire per ogni nostra paura, incertezza, delusione. Oltre all’abbraccio rassicurante questa promessa era la nostra fede assoluta in un domani sereno perché affermata dalla nostra mamma. E aveva ragione! Buona festa della mamma a chiunque si sente di esserlo. “Se anche solo per un istante pensavo di essere strana, gli occhi di mia madre mi guardavano da sopra gli occh...

Arco di Trionfo di Erich Maria Remarque
I miei compagni di viaggio / 3 Maggio, 2020

Parigi prima della seconda guerra mondiale ancora ignara del pericolo imminente. La piovosa serata di fine novembre. Il ponte Alma. Un piccolo caffè vuoto vicino all’Arco di Trionfo con gradini consunti e scivolosi. L’asprezza del calvados che non risolve nulla ma almeno scalda le mani. Gauloises umide e stropicciate in tasca.Due vite sospese come goccioline di nebbia si incontrano per caso e si attraggono ma non si legano. Manca l...

Peter Norman

“La velocità perfetta, figliolo, vuol dire solo esserci».Le Olimpiadi alla Città del Messico avrebbero dovuto (potuto?) aggiungere pace e armonia ad un anno che più di qualsiasi altro periodo storico era già tormentato fino all’estremo dalla contestazione, battaglie civili e militari, lotte armate, il rifiuto radicale verso un certo stile di vita. L’anno delle proteste studentesche del maggio francese, dell’assassinio di Ro...

La felicità e la gioia
Appunti di viaggio , Words&Drops / 24 Aprile, 2020

Anche se questo periodo è un’equazione da risolvere con almeno un’incognita (quando finirà?), possiamo comunque attribuire il valore alle altre variabili e decidere la loro proporzione. Matematica è un’opinione quando la risposta è multipla.“La felicità sta alla gioia come una lampada elettrica sta al sole. La felicità ha sempre un oggetto, si è felici di qualcosa, è un sentimento la cui esistenza dipende dall’este...

Jonas Salk

La poliomielite era una malattia infettiva ad altissimo rischio. Colpiva principalmente bambini, sotto i cinque anni. Il virus danneggiava il midollo spinale e i polmoni, provocando la deformazione e la paralisi di braccia e gambe che a volte portava all’esito mortale. Molti malati non erano più in grado di camminare senza stampelle o tutori in ferro. Tra i malati “famosi”, ad esempio, possiamo ricordare la pittrice Frida Kahlo e...

Luis Sepulveda
Appunti di viaggio , Words&Drops / 16 Aprile, 2020

Oggi è mancato un grande uomo, scrittore, idealista e sognatore. A 20 anni vinse la borsa di studio a Mosca e pochi mesi dopo venne espulso a causa della sua relazione con l’insegnante di letteratura slava. Atteggiamenti contro la morale. Dopo il colpo di stato di Pinocet fu arrestato e torturato. Trascorse 7 mesi in un bugigattolo che non gli consentiva neppure di alzarsi in piedi. Fu liberato solo per le pressioni di Amnesty Intern...

Perchè scrivo
Chi sono , Racconti / 13 Aprile, 2020

Perché scrivo? Non saprei. (è forte l’impulso di appropriarmi della battuta di un personaggio del mio film preferito in assoluto:”Perché non so ricamare”) Non me lo sono mai chiesta. E’ come un viaggio, solo per vedere un certo quadro dal vivo. Un quadro visto da piccola in un libro per bambini (quindi forse per rivedere me stessa davanti a quel quadro con la speranza di ritrovare l’esclamazione di gioia...

Perchè mi piace tradurre
Chi sono , Traduzioni / 13 Aprile, 2020

Intrecciando con rispondenza armonica e grammaticale i fili delle parole da tradurre con quelle di un’altra lingua tesso il mio tappeto. La levigatezza e la nitidezza del diritto nasconde tanti fili intrecciati e attorcigliati. Il mio compito è togliere dalla superficie del tappeto ogni asperità, renderla ben liscia. Tradurre è semplicemente tessere....